Post in evidenza

AVVISO TRASFERIMENTO BLOG:

Leggi Articoli completi sul nuovo sito:   nicovendome.altervista nicovendome55.wordpress.com Vai Su Altervista  

TRADUTTORE GOOGLE

LAVORO E SICUREZZA

CHI SONO:

BREVE SINTESI DEGLI ULTIMI, MA NON FINALI EPISODI, luglio 2013

potrete leggerla qui:






Incidenti lavoro:2 morti,pulivano pozzo, A Caltanissetta, esalazioni di acqua sulfurea, 




E SARA' SEMPRE PEGGIO:
QUALE OPERAIO POTRA' RIFIUTARE DI SVOLGERE LAVORI PERICOLOSI, SENZA L'USO DI APPOSITI MEZZI DI PROTEZIONE INDIVIDUALI EFFICACI E FUNZIONANTI ??
LA SPADA DI DAMOCLE DEL LICENZIAMENTO ORAMAI PENDE SULLA TESTA DI TUTTI I LAVORATORI !!
GRAZIE A MONTI, LA FORNERO E TUTTI QUELLI CHE HANNO PERMESSO LA CANCELLAZIONE DELL'ARTICOLO 18, NON ABBIAMO PIU' NESSUNA TUTELA !!
Incidenti lavoro:2 morti,pulivano pozzo - Top News - ANSA.it »
Incidenti lavoro:2 morti,pulivano pozzo, A Caltanissetta, esalazioni di acqua sulfurea, , Topnews, Ansa


Ciao,

IN QUESTA PAGINA SI PARLA DI SICUREZZA SUL LAVORO:
INIZIO ALLEGANDO UNA LETTERA:



inoltro la lettera di Lorena Coletti su aggiornamento delle udienze in corso riguardanti la tragedia dell'Umbria Olii, inoltratami dal nipote Federico.

Per ulteriori informazioni poetet contattare direttamente Federico all'indirizzo mail indicato a piè pagina.

Un abbraccio

Alessandra

"Sono Lorena Coletti, mio fratello morì il 25 novembre 2006, nella tragedia delle Umbria Olii.


Quel giorno morirono altre 3 persone che lavoravano con lui nella ditta Manili, la quale effettuava manutenzioni in appalto presso la Umbria Olii.

Il lavoro della ditta Manili, consisteva nel montare delle passerelle sui silos che per l'occasione dovevano essere bonificati, mentre tramite successive perizie, si è scoperto che quest'ultimi contenevano un gas potenzialmente esplosivo, l'esano.

Quindi i dipendenti della ditta Manili non sapevano il rischio che correvano nell'effettuare il montaggio delle passerelle e la Umbria olii non possedeva il certificato antincendio che oltretutto era scaduto da due anni.

Al momento dell'esplosione, il contenuto dei silos, che ammontava a diverse tonnellate di olio si è riversato nel fiume Clitunno e nelle strade di Campello, provocando ingenti danni ambientali .

Nel 2008 iniziò il processo preliminare, durante il quale i legali di Del Papa avanzarono diverse istanze, tra cui la rimessione per poter spostare il “sito” del processo per ostilità ambientale e addirittura la ricusazione del giudice dell’udienza preliminare, ritenendolo di parte. Tutte istanze che ovviamente non sono mai state accolte, cosi come la richiesta di rito abbreviato da parte dell’imputato e la richiesta di risarcimento di 35 milioni di euro che i familiari e l’unico superstite si sono visti recapitare.

Al termine del processo preliminare Giorgio Del Papa, amministratore delegato della Umbria Olii, fu rinviato a giudizio e la data del 24 novembre del 2009 vagliava l'inizio del processo penale dove l'amministratore delegato ha, a suo carico, le imputazioni di omicidio colposo plurimo con l'aggravate della colpa cosciente, disastro ambientale e il mancato rispetto, anche doloso, di alcune norme sulla sicurezza del lavoro.

Durante le varie udienze, la prima linea difensiva adottata dal legale di Giorgio Del Papa, vedeva incolpare i dipendenti della ditta Manili che secondo perizie di parte, avrebbero utilizzato fiamme libere per ancorare le passerelle ai silos, tesi difensiva che poi è stata abbandonata dalla difesa stessa.

Il 18 ottobre 2011 nell'aula del tribunale di Spoleto, dove era attesa la requisitoria del PM Federica Albano, non sono mancati i colpi di scena, poiché stavolta a far discutere l'accusa è stata la sorpresa dell'avv. La Spina che ha presentato un libro scritto da lui stesso, dal titolo "Non ho colpa".

Un libro dal titolo innocuo ma che contiene il racconto della vicenda processuale, vista dagli occhi della difesa, e raccontata con la voce di “Pippo”, dove idealmente Giorgio Del Papa viene ritenuto innocente e assolto dopo profonde analisi e osservazioni nel libro contenute.

Lo stesso giorno nell'aula del tribunale il Procuratore capo Gianfranco Riggio, ha avallato calcando la mano sulle accuse già formulate nella requisitoria del P.M. e ha specificato che la Procura ha negato a Del Papa il riconoscimento delle attenuanti generiche, vuoi per l'estrema gravità del fatto vuoi per la personalità dell'imputato che tra l'altro non è immune da precedenti.

Il 19 ottobre 2011 è il giorno della difesa, nel quale l’avv. La Spina ha parlato per ben 5 ore, leggendo anche alcuni passi del libro-arringa che è finito agli atti del processo.

Come prima cosa l’avv. ha chiesto per Giorgio Del Papa l’assoluzione con formula piena, evidenziando addirittura, che i precedenti di cui aveva parlato il giorno prima il Procuratore Capo Riggio non sarebbero ostativi per la concessione delle attenuanti generiche.

Durante la requisitoria, il libro-arringa non è stata l’unica sorpresa della difesa di Del Papa, in quanto l’avv. dell’imputato ha chiesto, oserei dire anche in maniera piuttosto inaspettata, al giudice una superperizia. Ossia, La Spina vuole ricorrere all’articolo 507 del c.p.p che consente al giudice, in caso di assoluta eccezionalità, quindi anche a processo praticamente concluso vista la sentenza imminente, di disporre di nuovi mezzi di prova.

L’utilità a parere della difesa di questa superperizia, sta nel verificare la tesi difensiva attuale, che vede attribuire all’unico superstite, Klaudio Dimiri, l’intera colpa della catastrofe.

Secondo la difesa quindi la colpa dell’unico superstite sta nell’aver compiuto una manovra errata con la gru, che quel giorno avrebbe sollevato il silos.

Secondo l’accusa, l’ipotesi è fantasiosa avendo già considerato peso del silo e del suo contenuto, il peso e l’inclinazione del braccio della gru.

Un’altra cosa che l’avv. della difesa vuole verificare, tramite perizia, è l’attendibilità degli esami chimici di laboratorio effettuati durante le indagini.

Il giudice Avenoso, ha sospeso l’udienza dando come prossima data utile il 15 novembre, non escludendo un eventuale sentenza.

Noi familiari delle vittime, come ha già detto il Procuratore Riggio, pretendiamo giustizia per questi 4 morti.

Chiediamo al giudice Avenoso la massima celerità nell’espletare la sentenza."



Contatti: federiko666@gmail.com


UNITI SI VINCE...