Post in evidenza

AVVISO TRASFERIMENTO BLOG:

Leggi Articoli completi sul nuovo sito:   nicovendome.altervista nicovendome55.wordpress.com Vai Su Altervista  

TRADUTTORE GOOGLE

27 gennaio 2015

Rilasciati nel campo nazista di Mauthausen, dimenticati in Spagna.


Gli spagnoli erano i soli prigionieri dei campi di concentramento per i quali la libertà non era completa . Il 5 maggio 1945, i soldati americani entrarono Mauthausen. José Alcubierre racconta l'incertezza vissuto nei giorni che seguirono la liberazione: "I sovietici tornavano in Russia, in Francia i francesi, ma gli spagnoli siamo stati lì da soli. Nessuno ci voleva , quindi siamo stati un mese in Mauthausen " . Nel campo di concentramento di Dachau truppe americane hanno confinato tutti i repubblicani in un recinto che circondavano con filo spinato. Centinaia di spagnoli erano passati, quindi, ad essere prigionieri dei prigionieri nazisti dei "liberatori". In Mauthausen e Gusen non hanno ottenuto molto, ma soprattutto spiacevole che, racconta il soldato americano Álvaro Rodríguez: .. "Alcuni spagnoli cominciarono a lavorare per il nostro esercito, hanno fatto traduttori, autisti, o semplicemente pulire. Ma poco dopo, li cacciarono perché hanno detto che erano comunisti ".



Infine, la Francia ha ceduto alle pressioni dell'opinione pubblica e ha deciso di dare rifugio ai repubblicani . La maggior parte di loro credevano che gli Alleati li avrebbe aiutati in quel momento per terminare l'ultima dittatura fascista in Europa, quella del generale Franco. Ma non lo era. Stati Uniti e Gran Bretagna da soli pensarono al prossimo avversario, Stalin. Nella guerra fredda per loro era più utile un amico dittatore che una democrazia, che potrebbe flirtare con il comunismo. Geopolitica a sinistra, quindi, quelli rilasciati senza una casa in cui tornare. Avevano lasciato i campi nazisti vivi ma ancora portando un triangolo blu invisibile;
Questa nuova sconfitta era meno dolorosa di quella subita dopo il ripristino della democrazia in Spagna. Superato il secolo di vita, il cordovano Virgilio Peña, quando di fronte a questo problema: "La morte di Franco e l'arrivo di democrazia è stata una grande gioia per tutti noi, ma, poco dopo, ci siamo resi conto che avevamo abbandonati. Per questo chiamiamo 'dimenticati', perché nessuno si è preso cura di noi. non abbiamo nessuno che si sia interessato. " Così è stato e così è. I deportati spagnoli sono stati vittime del cosiddetto "spirito della transizione" . La riconciliazione necessaria diventata impunità e oblio. Pilar, figlia di manchego espulso Luis Perea, pianse amaramente mentre parlava su questo argomento prima di suo padre. Nel mese di aprile 2014, Louis aveva perso la sua salute e la memoria, ma guardò la figlia con una smorfia mentre piangeva: "La parte superiore era di aver fatto qualcosa che doveva essere fatto anni fa, perché ora ci sono molto pochi sopravvissuti .. Niente soldi sono richiesti perché non viene pagato nulla, un riconoscimento è richiesto , a prescindere ma qualcosa. E soprattutto non per mio padre, che è tornato vivo, ma per le migliaia di spagnoli che sono morti nei campi . Sono loro che devono ricordare. " Il riconoscimento, se si verifica, sarà tardi per Luis e per quasi tutti gli spagnoli deportati. Oggi solo 25 sopravvissuti sono ancora vivi. Luis Perea è morto il 13 luglio ed è stato cremato nel sud della Francia. Il suo ultimo desiderio era di finire come i suoi 5.500 compagni assassinati nei campi nazisti, nel fumo e cenere. 
Editoriale Adelanto: Questa testimonianza offerta al pubblico , è parte di una serie di cinque articoli che questo giornale offrirà nei prossimi giorni come anticipo Editoriale passato spagnolo Mauthausen , pubblicato da Ediciones B , e serve come un omaggio ai più di 9.000 spagnoli che hanno attraversato i campi nazisti, quando il 70 ° anniversario della liberazione dei campi di sterminio del dominio nazista è celebrato. Il lettore imparerà anche di più dall'esperienza di Antonio Hernández attraverso l'account @ Deportado4443 . Così, il giornalista Carlos Hernandez, nipote di Antonio e autore dell'ultimo spagnolo di Mauthausen, dà voce ad Antonio e attraverso di lui a più di 9.000 spagnoli che hanno attraversato i campi nazisti, dove più di 5.000 sono stati uccisi, e la cui sofferenza hanno cercato di cancellare dalla carta geografica.





http://www.publico.es/politica/liberados-campo-nazi-mauthausen-olvidados.html

Posta un commento